Nutraceutici

 

Selenio

 

La supplementazione con selenio nei pazienti con tiroidite autoimmune ha ridotto i livelli degli anticorpi antiperossidasi


Nelle aree con grave deficienza di selenio c'è una maggiore incidenza di tiroidite, dovuta ad una ridotta attività del glutatione perossidasi selenio-dipendente all'interno delle cellule tiroidee.
Gli enzimi selenio-dipendenti intervengono anche nei processi immunitari.
Pertanto anche una lieve deficienza di selenio può contribuire allo sviluppo e al mantenimento delle malattie tiroidee autoimmuni.
I Ricercatori del Dipartimento di Endocrinologia del Medizinische Klinik Innenstadt dell'University of Munich ( Germania ) hanno compiuto uno studio controllato con placebo , in cieco , prospettico su 70 donne , d'età media 47,5 anni ( +/- 0,7 anni ) con tiroidite autoimmune ed anticorpi antperossidasi ( TPOAb ) con valori superiori a 350 UI/ml.
L'end point primario dello studio era rappresentato da cambiamenti nelle concentrazioni di TPOAb , mentre l'end point secondario da cambiamenti nei livelli di TgAb , TSH e nell'ormone tiroideo libero.
I pazienti sono stati randomizzati in due gruppi : 36 pazienti hanno ricevuto 200 microg ( 2,53 micromol ) di selenio/die per os , per 3 mesi ; 34 pazienti hanno invece ricevuto placebo.
Tutti i pazienti sono stati trattati con terapia sostitutiva LT-4 per mantenere il TSH entro il normale range.
La concentrazione media di TPOAb si è ridotta in modo significativo al 63,6% ( p = 0.013 ) nel gruppo selenio contro l'88% ( p = 0.95 ) nel gruppo placebo.
Una sottoanalisi dei pazienti con TPOAb maggiore di 1.200 UI/ml ha evidenziato una riduzione media del 40% nei pazienti trattati con il selenio rispetto ad un aumento del 10% nel TPOAb nel gruppo placebo.
Le concentrazioni di anticorpi antitireoglobulina ( TgAb ) sono risultate più basse nel gruppo placebo all'inizio dello studio e si sono ridotte in modo significativo successivamente ( p = 0,018 ) , mentre sono rimaste immodificate nel gruppo selenio.
Nove pazienti trattati con selenio hanno normalizzato completamente le concentrazioni anticorpali rispetto a soli 2 pazienti con il placebo ( p = 0,01 ).
I livelli medi di TSH , T4 libero e T3 libero sono rimasti immodificati in entrambi i gruppi.
Da questo studio emerge che la supplementazione con selenio può migliorare l'attività antinfiammatoria nei pazienti con tiroidite autoimmune.
Non è noto se questo effetto sia specifico per la tiroidite autoimmune o anche per altre malattie endocrine autoimmuni. ( Xagena_2002 )

Gartner R et al , J Clin Endocrinol Metab 2002 ; 87 : 1687-1691

 

 

Il Selenio sembra ridurre il rischio di carcinoma colorettale


L'analisi dei dati di uno studio clinico di ampie dimensioni ha fatto ipotizzare che l'assunzione di Selenio sia in grado di ridurre la neoplasia colo-rettale, ma gli studi epidemiologici non hanno mostrato un effetto protettivo di rilievo del Selenio.

E' stata condotta un'analisi combinata dei dati di 3 studi clinici randomizzati - Wheat Bran Fiber Trial, Polyp Prevention Trial, Polyp Prevention Study - che ha valutato gli effetti di vari interventi nutrizionali nella prevenzione dell'adenoma colorettale tra i partecipanti a cui era stato rimosso un adenoma durante colonscopia.

Le concentrazioni di Selenio sono state misurate in 1763 soggetti.

L'analisi dei dati pooled ( combinati ) ha mostrato che i soggetti che avevano più alti valori plasmatici di selenio presentavano un più basso rischio di sviluppare un nuovo adenoma rispetto a quelli che avevano bassi valori di selenio ( odds ratio, OR = 0,66 ).

La relazione inversa tra alte concentrazioni plasmatiche di selenio e rischio di adenoma, emersa in questo studio, fornisce elementi a sostegno della tesi che più alti livelli di selenio nel sangue possono ridurre il rischio di tumore al colon e al retto.(
Xagena_2004 )

Jacobs ET et al, J Natl Cancer Inst 2004; 96: 1669-1675

 

I supplementi a base di antiossidanti sono impiegati nella prevenzione di diverse malattie.Ricercatori della Cochrane Hepato-Biliary Group hanno valutato l’effetto dei supplementi a base di antiossidanti sulla mortalità nella prevenzione primaria e secondaria....(Articolo completo)

I supplementi a base di antiossidanti, come beta-Carotene, Vitamina A e Vitamina E, possono aumentare il rischio di morte. Ricercatori del Center for Clinical Intervention Research, Copenhagen University, hanno condotto un’analisi per verificare gli effetti dei supplementi antiossidanti....(Articolo completo)

Studi clinici randomizzati hanno prodotto risultati misti sugli effetti del trattamento per l’Helicobacter pylori e poche informazioni sugli effetti delle vitamine o dei supplementi a base di aglio sulle lesioni gastriche pre-cancerose....(Articolo completo)

L’analisi dei dati di uno studio clinico di ampie dimensioni ha fatto ipotizzare che l’assunzione di Selenio sia in grado di ridurre la neoplasia colo-rettale, ma gli studi epidemiologici non hanno mostrato un effetto protettivo di rilievo del Selenio....(Articolo completo)

Studi epidemiologici hanno indicato che bassi livelli di selenio possono essere associati ad un’aumentata incidenza di tumore alla prostata. Uno studio, coordinato dal Brigham and Women’s Hospital – Harvard Medical School, ha esaminato l’associazione tra livelli sierici pre-diagnosi di selenio e rischio di tumore alla prostata negli uomini arruolati nel Phisicians’ Health Study....(Articolo completo)

La relazione tra vitamina E, beta-carotene, vitamina C e selenio nell’asma è stata studiata tra 7.505 giovani, di età compresa fra i 4 ed i 16 anni, partecipanti al Third National Health and Nutrition Examination Survey....(Articolo completo)

I metaboliti dell’ossigeno e le proteasi rilasciate da cellule infiammatorie attivate possono indurre danno ossidativo e proteolitico nei confronti dei costituenti del plasma e dei globuli rossi....(Articolo completo)

La resistenza all’insulina è associata a stress ossidativo. L’obiettivo dello studio, condotto presso la Cornell University, è stato quello di verificare l’impatto dell’iperespressione del glutatione-perossidasi 1 ( GPX1 ), una selenoproteina intracellulare che riduce il perossido d’idrogeno ( H2O2 ) in vivo, sul metabolismo del glucosio e sulle funzioni dell’insulina....(Articolo completo)

La chemioprevenzione antitumorale è un nuovo approccio nel management dei tumori. La chemioprevenzione può essere definita come l’impiego dei farmaci non citotossici per bloccare la progressione dei tumori invasivi....(Articolo completo)

Uno studio randomizzato , General Population Trial , compiuto in Cina nella provincia di Linxian, ha dimostrato che i soggetti che assumevano selenio, beta-carotene, e vitamina E, presentavano una più bassa incidenza di mortalità per tumore rispetto a coloro che non assumevano supplementi....(Articolo completo)

Nelle aree con grave deficienza di selenio c’è una maggiore incidenza di tiroidite, dovuta ad una ridotta attività del glutatione perossidasi selenio-dipendente all’interno delle cellule tiroidee....(Articolo completo)

In Italia si stimano circa 8.000 casi all’anno di tumore della prostata. Il tumore è raro in età giovanile ( 1 caso su 10.000 a 40 anni ), mentre sono a rischio le persone che hanno superato i 45 anni di età ( 1 caso su 8 fra i 60 e gli 80 anni )....(Articolo completo)

Aglio: ha effetto antibiotico, antivirale, antiossidante, abbassa il colesterolo nel sangue e previene i trombiAgnello: anche nelle parti magre contiene molti grassi....(Articolo completo)

Aglio

Aglio e cipolla possono avere un effetto protettivo nei confronti dei tumori


Le persone che assumono con la dieta aglio e cipolla sembrano avere un più basso rischio di tumore.

Ricercatori italiani hanno analizzato 8 studi effettuati in Italia ed in Svizzera, che hanno confrontato l’assunzione dei 2 vegetali agliacei in pazienti ed in soggetti sani ( controllo ).

I dati dell’analisi sono in linea con le conclusioni di altri studi, eseguiti soprattutto in Cina.

L’assunzione moderata di cipolla è in grado di ridurre il rischio di tumori del colon-retto, della laringe e dell’ovaio.
Le persone che mangiano quantità abbondanti di cipolle presentano anche una riduzione del rischio di tumori orali ed esofagei.

L’uso moderato di aglio è risultato anche associato a più bassi rischi di tumore del colon-retto e del tumore a cellule renali.

L’effetto protettivo contro i tumori viene aumentato sensibilmente assumendo alte quantità di cipolla e aglio, ad eccezione dei tumori della mammella e alla prostata per le alte quantità di aglio.

Fonte: American Journal of Clinical Nutrition, 2006



Link: Farmaci – Pharma Business www.pharmabiz.it Pharma Search www.pharmasearch.it www.pharmasearch.net Forum Medico www.forummedico.it Mucolitici www.mucolitici.net Aterosclerosi www.aterosclerosi.net www.aterosclerosi.com Antiacidi www.antiacidi.it Antitosse www.antotosse.net Antivirali www.antivirali.net Antidolorifici www.antidolorifici.it Antinausea www.antinausea.it Antispastici www.antispastici.it Antiossidanti www.antiossidanti.net Antipertensivi www.antipertensivi.it Antianemici www.antianemici.it Antistaminici www.antistaminici.net Antibiotici News www.antibioticinews.net Antitosse www.antitosse.it Antiulcera www.antiulcera.net Antimicotici www.antimicotici.it Antiemicranici www.antiemicranici.it Ansiolitici www.ansiolitici.net Antifungini www.antifungini.net Antinausea www.antinausea.net Biotecnologie www.biotecnologie.net www.biotecnologie.com www.biotecnologie.org Xagena Medicina www.xagenamedicina.com www.xagenamedicina.net Xagena Benessere www.xagenabenessere.it Medicine News www.medicinenews.eu

Farmaci: Antipiretici www.antipiretici.it Analgesici www.analgesici.net Analgesici Ondine www.analgesicionline.it www.analgesicionline.net Antidolorifici www.antidolorifici.net Antipiretici www.antipiretici.net Antinfiammatori www.antinfiammatori.it www.antinfiammatori.net www.antinfiammatori.com Acne News www.acnenews.it www.acnenews.net Analgesici www.analgesici.net www.antidepressivi.net Fotoprotettivi www.fotoprotettivi.it Dermocosmesi www.dermocosmesi.net Nutraceutici www.nutraceutici.net

 

Xagena Benessere: Galleria di Immagini d’Italia: www.happyitaly.net  Vivere Italia www.vivereitalia.it